Recensione: La ragazza del treno - Paula Hawkins

Bentrovati cari lettori!!! Oggi voglio parlarvi del libro thriller che ha spopolato ovunque, con più di due milioni di copie vendute solo in America, La ragazza del treno di Paula Hawkins ha veramente catturato i lettori di ogni nazione. La casa cinematografica Dreamworks ne ha già acquistato i diritti del film e spero veramente che renda quanto il libro.


                                                

Traduttori: Barbara Porteri
Titolo: La ragazza del treno
Anno prima edizione: 2015
Autore: Paula Hawkins
Numero Pagine: 312
Editore: Piemme
Prezzo: 19,50€
                                                      
Trama:
La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appartamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cosa ha visto davvero Rachel?


Autore:
Paula Hawkins ha lavorato quindici anni come giornalista prima di dedicarsi alla scrittura. La ragazza del treno è il suo primo thriller. Venduto agli editori di tutto il mondo prima ancora dell'uscita, è stato opzionato da Dreamworks.
                                                                                                                      
Recensione:
Inizio dicendo che questo è il primo thriller che leggo e questo genere ho iniziato ad apprezzarlo grazie a questo libro. Ne comprerò sicuramente altri perché questo per me è stato fenomenale. La storia ha come protagonista Rachel, una ragazza di circa trent'anni che vive con la sua amica Cathy in un piccolo appartamento nella periferia di Londra.

Rachel è una donna sola, senza amici, non le è rimasto nulla di quello che aveva creato, inoltre ha problemi di alcolismo che le causeranno diversi problemi: primo fra tutti il divorzio con il marito, Tom, che si è creato una nuova famiglia con la compagna Anna dalla quale ha avuto una bambina, e in seguito il licenziamento dal lavoro, che la costringerà a mentire alla sua coinquilina fingendo ogni mattina di andare in ufficio, per poi dirigersi al centro di Londra per bere. È proprio in queste occasioni, in cui Rachel si trova sul treno, che inizierà a fantasticare su una coppia, Scott e Megan, che vive proprio a pochi metri da quello che era il suo appartamento. Ella si immagina la loro storia, il loro amore, la loro complicità, quello che lei invece non è riuscita a stabilire con l'ex marito.

Una mattina però, proprio mentre passa davanti a quella casa nota qualcosa strano e la mattina successiva i telegiornali annunciano la scomparsa di Megan. Tutta la speranza riversata in quella coppia si distrugge in un secondo, e da qui la vita di Rachel prenderà tutta un'altra piega. Verrà trascinata in un vortice di avvenimenti inquietanti a cui lei non riesce a dare una spiegazione.

Il libro comincia con una frase che ci farà capire immediatamente che è successo qualcosa di spaventoso, ci mette subito in guardia a ciò che sta per accadere, e la stessa frase la ritroveremo alla fine del caso. La suspense, i colpi di scena, le verità, le bugie, tutto verrà incastrato alla perfezione e il lettore non può fare a meno di essere coinvolto dalla storia che viene raccontata da tre punti di vista, quello di Rachel, quello di Anna e quello di Megan. Ogni singolo capitolo, acutamente costruito, ci spinge a interrogarci su cosa possa essere successo, un insieme intrigante di avvenimenti ci porta a un finale inaspettato, rendendo questo libro un capolavoro. Riporto due frasi che mi sono particolarmente piaciute per il contesto in cui sono inserite:
"Povero scott, non sa quasi niente. Mi ama così tanto, di un amore che mi fa stare male. Non so come ci riesca: io impazzirei con una come me."
"Non credo ai miei occhi. Inspiro a fondo, mi rendo conto di aver trattenuto il fiato. Perché lo ha fatto? Jason è innamorato di lei, sono una coppia felice, è così evidente. Non può avergli fatto questo, lui non se lo merita. Sono davvero delusa, come se avesse tradito anche me. Sento diffondersi nel petto un dolore che conosco bene: l'ho già provato prima. Era molto più intenso, molto più cupo, ma è lo stesso tipo di sofferenza, impossibile da dimenticare."


La scrittura è intensa, intrigante, conquista il lettore. Non è una lettura pesante anche essendo un thriller risulta essere scorrevole. Stephen King ha commentato dicendo: "Un capolavoro di suspense. Mi ha tenuto sveglio tutta la notte."  Consiglio vivamente di leggerlo, è una perla del thriller!!!